Home » Istruzione » Normativa » 2008 » prot17697_08
 
 
Prot.n. AOODGPER. 17697
 

Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Dipartimento per l'istruzione
Direzione generale per il personale scolastico

Roma, 27 ottobre 2008

Oggetto: Prima edizione del concorso I COME INTERCULTURA. Anno scolastico 2008/2009.


In occasione della celebrazione dell'Anno Europeo del Dialogo Interculturale, il MIUR bandisce per l'anno scolastico 2008/2009 la prima edizione del concorso "I come intercultura", nell'ambito delle iniziative previste dal protocollo d'intesa stipulato tra questo Ministero e l'AGISCUOLA (All. 1).

L'accordo citato ha il fine di promuovere progettazioni congiunte per l'innovazione dei processi d'insegnamento e apprendimento ed ha, tra gli altri, l'obiettivo di diffondere nelle istituzioni scolastiche le opere cinematografiche e gli spettacoli dal vivo, ispirati ai temi del rispetto dei diritti dell'infanzia, della partecipazione consapevole alla vita sociale e dell'accettazione delle differenze culturali, etniche, religiose e di genere.

Il concorso "I come intercultura" si inserisce in tale contesto poiché ha lo scopo di favorire una maggiore interiorizzazione dei valori autentici della convivenza civile e del rispetto delle diversità culturali, favorendo, nel contempo, lo sviluppo del pensiero critico e creativo. Vuole promuovere, altresì, la cultura dell'integrazione e del rispetto delle differenze attraverso la produzione e la realizzazione di spettacoli teatrali, cortometraggi, documentari, spot, articoli di critica teatrale e cinematografica.

Al premio finale sono candidati tutti gli studenti e le studentesse, singolarmente o in gruppo, della stessa classe o di classi diverse, nonché di scuole diverse purché residenti in Italia, che affrontino in maniera originale e significativa i temi oggetto del concorso. Le opere dovranno ispirarsi alle seguenti tematiche:

  • la cultura come veicolo di crescita sociale e civile;
  • la mediazione culturale come strumento di pacificazione;
  • l'accettazione delle diversità dichiarate;
  • la cittadinanza attiva nazionale, europea e globale.
I lavori prodotti potranno concorrere per una delle seguenti categorie:
  1. OPERE CINEMATOGRAFICHE
    Cortometraggi , documentari e spot.
  2. OPERE TEATRALI
    Produzione e/o adattamento originale di spettacoli teatrali e musicali; monologhi a tema.
  3. ARTICOLI GIORNALISTICI
    Articoli di critica cinematografica e teatrale.
Per aderire al concorso, gli aspiranti dovranno inviare, entro il 28 febbraio 2009, presso la sede dell' Ufficio Scolastico Regionale d'appartenenza la scheda di adesione (All. 3), unitamente alla copia dei prodotti realizzati. La partecipazione è gratuita.

Il concorso è articolato in due fasi:una regionale e una nazionale. La selezione su base regionale sarà effettuata da una commissione giudicatrice istituita presso gli UUSSRR ed opererà in collaborazione con le sedi regionali dell'Agiscuola (All. 4), secondo le modalità che ogni Ufficio Scolastico Regionale vorrà autonomamente stabilire. In tale fase di valutazione, saranno selezionati 3 elaborati per la categoria opere teatrali, 3 per la categoria opere cinematografiche e 3 per la categoria articoli giornalistici.

Le opere finaliste avranno accesso alla fase di valutazione nazionale e dovranno essere trasmesse, in formato multimediale, dagli UUSSRR alla Direzione Generale per il personale scolastico in Viale Trastevere, 76/A - 00153 Roma entro e non oltre il 31 marzo 2009.

La selezione sarà effettuata da una commissione, appositamente costituita presso la DGPS.

Attraverso questa seconda fase di valutazione, saranno individuate le dodici opere vincitrici, quattro per ciascuna delle categorie previste.

Il giudizio di entrambe le commissioni giudicatrici è insindacabile e terrà conto dell'attinenza delle opere ai temi oggetto di concorso, della creatività ed originalità di espressione degli autori, del superamento degli stereotipi nella trattazione degli argomenti prescelti e della qualità del prodotto finale.

L'AGISCUOLA, nel rispetto dell'autonomia organizzativa e didattica delle istituzioni scolastiche, si impegna ad offrire il necessario supporto tecnico per la realizzazione delle opere oggetto di concorso. Allo scopo, si avvarrà delle proprie strutture associative periferiche che, su richiesta, potranno rapportarsi con le Direzioni Scolastiche Regionali e con le singole scuole.

La presentazione ufficiale dell'iniziativa concorsuale avverrà nell' ambito della convention Agiscuola dedicata, anch'essa, all' Anno Europeo del Dialogo Interculturale e programmata per i giorni 16 e 17 novembre 2008.

In considerazione dell'alto valore educativo del concorso "I come Intercultura", si invitano le SS. LL. a voler diffondere la presente nota, unitamente al regolamento allegato (All. 2), nelle scuole secondarie di secondo grado per facilitare la progettazione di attività di collaborazione tra i singoli Uffici Scolastici Regionali e le sedi locali dell'Agiscuola.

Si precisa che la presente nota è stata concordata con la Direzione Generale per lo studente, per l'integrazione, la partecipazione e la comunicazione.

Si ringrazia per la consueta collaborazione.

Per maggiori informazioni, si prega di contattare la Direzione Generale per il Personale scolastico ai seguenti recapiti mail:

mariabeatrice.morano@istruzione.it;
stefania.petrera@istruzione.it;
michele.tortorici@istruzione.it

IL DIRETTORE GENERALE
Luciano Chiappetta

 Allegati
 Protocollo d'intesa stipulato tra il Dipartimento per l'Istruzione e l'AgiscuolaScarica
 Regolamento del concorso I come InteculturaScarica
 Schede di adesioneScarica
 Elenco sedi regionali AgiscuolaScarica
 Destinatari
AI DIRETTORI GENERALI DEGLI UU. SS. RR.
LORO SEDI

All'AGISCUOLA
Largo Italo Gemini, 1
ROMA

Ai Direttori degli Uffici Scolastici Regionali
LORO SEDI

Al Dirigente Generale del Dipartimento Istruzione per la Provincia di TRENTO

All'Intendente Scolastico per la Scuola in lingua italiana BOLZANO

All'Intendente Scolastico per la Scuola in lingua ladina BOLZANO

All'Intendente Scolastico per la Scuola in lingua tedesca BOLZANO

Al Sovrintendente agli Studi per la Regione autonoma Valle d'Aosta