Vai alla homepage URPVai alla homepage del sito MIUR

Vuoi contribuire a far crescere questa pagina?
Fai sentire la tua voce!

immagine la parola al cittadino

la parola
al cittadino

Riconoscimento dell'abilitazione all'insegnamento estera

I docenti che abbiano conseguito l'abilitazione all'insegnamento all'estero, e vogliano esercitare in Italia la propria attività, devono chiedere il riconoscimento del titolo professionale presso il MIUR Direzione Generale per gli Ordinamenti Scolastici la Valutazione del Sistema Nazionale di Istruzione.
Il riconoscimento può riguardare:
Titoli conseguiti nei Paesi dell'Unione Europea
Titoli conseguiti in Paesi non comunitari

E' necessario presentare domanda di riconoscimento secondo i modelli scaricabili, Mod. A (Paesi UE) e Mod. B (Paesi non comunitari), da inviare a mezzo posta.
Non è consentito l'invio online delle domande e della relativa documentazione.
In applicazione della Direttiva 2005/36/CE, recepita in Italia con il Decreto legislativo n. 206 del 6 novembre 2007, è possibile presentare richiesta di riconoscimento per le professioni di:
docente di scuola dell'infanzia;
docente di scuola primaria;
docente di scuola secondaria di primo grado;
docente di scuola secondaria di secondo grado.


Il riconoscimento può essere richiesto per gli insegnamenti per i quali l'interessato sia legalmente abilitato nel Paese che ha rilasciato il titolo ed a condizione che tali insegnamenti trovino corrispondenza nell'ordinamento scolastico italiano. Qualora dall'esame della domanda emerga che non vi è completa corrispondenza tra la formazione professionale richiesta in Italia e quella posseduta dall'interessato, la Direzione Generale richiederà il superamento di una prova attitudinale o la frequenza di un tirocinio di adattamento presso istituzioni scolastiche italiane.
Prova attitudinale: si articola in una prova scritta/pratica e orale o in una prova orale. Consiste in un esame volto ad accertare le conoscenze professionali del richiedente, effettuato allo scopo di valutarne l'idoneità ad esercitare la professione di docente. Le materie su cui svolgere l'esame sono scelte in relazione al confronto tra la formazione richiesta sul territorio nazionale e quella posseduta dal richiedente.
Tirocinio di adattamento: consiste nell'esercizio in Italia della professione regolamentata corrispondente a quella per la quale è richiesto il riconoscimento. Il tirocinio si svolge per un periodo non superiore a tre anni, sotto la responsabilità di un professionista qualificato, accompagnato eventualmente da una formazione complementare.
Per consultare la pagina dedicata, sulla quale sono anche pubblicati periodicamente i Decreti di riconoscimento, clicca qui.

Riconoscimento della formazione professionale di docente conseguita in Spagna
Con particolare riferimento alle formazioni professionali offerte in modalità e-Iearning da Università spagnole, molte delle formazioni professionali di "Master de Profesorado" realizzano il tirocinio esterno interamente presso istituzioni scolastiche italiane statali o paritarie e spesso gli esami finali che dovrebbero, per normativa spagnola, svolgersi presso le Università spagnole coinvolte, sono effettuati in Italia.
Con nota n. 7277 del 25/11/2014, il MIUR evidenzia che non ha stipulato alcuna convenzione con il Ministero dell'Educazione spagnolo, o con le Università straniere o con altri Enti che possano legittimare tirocini formativi svolti in Italia, considerato, peraltro, che il "Master de Profesorado" rappresenta un percorso formativo che ha come finalità l'acquisizione della professione di docente in Spagna e non in Italia. Pertanto, le formazioni professionali di "Master de Profesorado" così conseguite non saranno prese in considerazione ai fini del riconoscimento della professione di docente in Italia.