Vai alla homepage URPVai alla homepage del sito MIUR

Vuoi contribuire a far crescere questa pagina?
Fai sentire la tua voce!

immagine la parola al cittadino

la parola
al cittadino

Equipollenze ed equiparazioni tra titoli accademici italiani

Sul sito web del MIUR, area Università, sezione Equipollenze ed equiparazioni tra titoli accademici italiani(http://www.istruzione.it/web/universita/equipollenze-titoli) sono pubblicati i riferimenti normativi che stabiliscono per l’accesso ai pubblici concorsi le Equipollenze tra Lauree di Vecchio Ordinamento e le Equiparazioni tra Lauree di Vecchio ordinamento, Lauree Specialistiche e Lauree Magistrali.

Equipollenze tra titoli accademici del vecchio ordinamento
Le Equipollenze tra titoli accademici del vecchio ordinamento (ante riforma) per l’accesso ai pubblici concorsi sono stabilite da una serie di provvedimenti normativi consultabili in una specifica tabella presente nella sezione Equipollenze ed equiparazioni tra titoli accademici italiani. La tabella riporta nella prima colonna il titolo accademico che è dichiarato equipollente, nella seconda il titolo accademico richiesto dal bando di concorso, nella terza i riferimenti normativi. Si precisa inoltre che:

Equiparazioni tra titoli di diverso ordinamento per l’accesso ai pubblici concorsi
Le Equiparazioni per l’accesso ai pubblici concorsi, tra Lauree Vecchio ordinamento, Lauree Specialistiche e Lauree Magistrali sono stabilite da una serie di provvedimenti ed in particolare dal Decreto Interministeriale 9 luglio 2009.
L’Equiparazione tra le lauree di diverso ordinamento deve intendersi solo in modo tassativamente alternativo. Pertanto, laddove una laurea del vecchio ordinamento trovi corrispondenza con più classi di lauree specialistiche o magistrali, sarà compito dell’Ateneo che ha conferito il diploma di laurea rilasciare, a chi ne fa richiesta, un certificato che attesti a quale singola classe e equiparato il titolo di studio posseduto, da allegare alle domande di partecipazione ai concorsi insieme al certificato di laurea.

Ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi: