Vai alla homepage URPVai alla homepage del sito MIUR

Vuoi contribuire a far crescere questa pagina?
Fai sentire la tua voce!

immagine la parola al cittadino

la parola
al cittadino

Diploma: attestato, dati errati, furto/smarrimento/distruzione del cartaceo, certificazione sostitutiva

Ritiro dell’attestato: i diplomi, stampati ogni anno dall’Istituto Poligrafico dello Stato e inviati agli Uffici scolastici Regionali, devono essere richiesti direttamente al Dirigente scolastico della scuola presso la quale sono stati conseguiti. In alternativa, e possibile richiedere una certificazione sostitutiva all’Ufficio Territoriale (ex Ufficio scolastico provinciale) competente.

Dati errati: nel caso in cui i dati anagrafici riportati sul diploma siano errati, e opportuno rivolgersi alla segreteria scolastica della scuola che ha rilasciato il documento (o, se la scuola non esiste piu, all’Ufficio Territoriale), la quale potra apportare modifiche al documento, ma non potra rilasciare un nuovo diploma. Il diploma e valido anche se sul documento sono state riportate delle correzioni (Legge 7 febbraio 1969, n.15).

Smarrimento, furto, distruzione del cartaceo del Diploma: In caso di smarrimento, furto, distruzione del cartaceo l’interessato puo ottenere il certificato sostituivo del Diploma (per una sola volta), avente a tutti gli effetti lo stesso valore dell’originale (cfr. art.187, commi 3 e 4, e art.199, comma 6, del T.U. Istruzione). La certificazione sostitutiva e rilasciata dall’Istituto scolastico ove e stato conseguito il titolo di studio o, dall’Ufficio scolastico territoriale nel cui ambito e compreso lo stesso Istituto, qualora non sia stato fatto il decentramento agli istituti scolastici della provincia da parte del medesimo istituto.
Si potranno comunque avere in nu8mero illimitato certificati semplici attestanti l’avvenuto conseguimento del Diploma, ma non aventi valore sostitutivo dello stesso,  a cura dell’istituto scolastico.

Nel caso in cui sia iscritto a un corso universitario, accertarsi che il titolo di studio non sia stato depositato all’atto dell’iscrizione alla facolta e giacere negli archivi universitari.”